Bianco o Colore?

Avete presente una ristrutturazione ?  Ecco : fino a quando ci sono gli operai, tutto bene.  Ma quando arriva il momento da parte nostra di scegliere il colore delle pareti , il panico !!!!
 Appartamento-centro-storico-18
È una scelta complessa che vincolerà la nostra casa fino alla prossima ristrutturazione.  Ma, vi prego: non scegliete per forza il bianco!
 Il bianco lo si concede solo a quelle case luminose, che con la primavera e le tende che svolazzano con la brezza, fanno entrare i raggi di un sole abbagliante. Il bianco qui, diventa il Re dei non – colori e la sua luce si riflette su ogni cosa che circonda. Ogni cosa diventa bella, come toccata da una bacchetta magica.
 Appartamento-centro-storico-17
Gli eschimesi riconoscono 15 tipi di bianco, perché loro nel bianco vivono tutta la vita. Noi comuni mortali ne conosciamo solo uno: quello della latta di pittura lavabile da dare ovunque. Eppure , se avete voglia di rischiare ed addentrarvi nel mondo dei colori , scoprirete di non poterne fare più a meno!
 Appartamento-centro-storico-16
Sto ristrutturando una casa in centro storico, dove la vicinanza dei palazzi fra di loro è tale che la luce del sole stenta a farsi vedere. In casi come questo, il bianco è una pessima scelta. Il bianco, come già detto, ha bisogno di brillare. Per quanto possa sembrare paradossale, è l’uso dei colori scuri che aiuterà a rendere affascinante la penombra che regna sovrana dov’è la luce non è la benvenuta.
Non sono certamente io ad affermare questo paradosso, ma Goethe, che per quanto conosciuto come uno dei più grandi poeti e autori di tutti i tempi, era in realtà anche un bravissimo pittore ma soprattutto un geniale scienziato, tanto che nel 1810 scrisse un saggio dal titolo ” La Teoria Dei Colori “, che mise ordine scientifico alle conoscenze empiriche dell’arte e della luce; arrivò ad affermare che i colori consistono in un offuscamento della luce e nell’ interazione di questa con l’oscurità e quindi non è la luce a scaturire dai colori ma bensì il contrario.
 Appartamento-centro-storico-15
La complessità dei fenomeni cromatici risiede nel nostro cervello e nella nostra retina che elaborano insieme l’immagine che si palesa davanti a noi. Questa breve premessa serve a comprendere meglio quanto detto fino ad ora.
 Appartamento-centro-storico-11
In un ambiente mediamente buio, l’uso del colore grigio in tutta la sua gamma fino al Tortora ( ma non pallido o chiarettino mi raccomando! ) creerà una ” Allure ” magnifica alle pareti , rendendole calde e avvolgenti . In fondo , se ci pensate bene, il bianco in una penombra, che colore vi sembrerà? Grigio !!! Ma un grigetto senza arte né parte, un bianchiccio slavato, quasi mortifero. Allora prendete direttamente una bella latta che grigia lo è davvero, ma con quella decisione imperante che hanno i colori consci della loro bellezza e il grigio, che di per se è un colore neutro ( ma che in realtà dentro di se li contiene tutti ), vi darà davvero grandi soddisfazioni “illuminando” nel suo paradosso la stanza dove lo avete fatto dimorare .
 Appartamento-centro-storico-12
Per tutti gli altri colori , affidatevi anche alla storia dell’arte che vi può dare spunti curiosi e il coraggio di osare. Pensate alle dimore pompeiane o dell’ antica Grecia, in esse entrava poca luce per via delle piccole finestre che mantenevano la calura estiva accettabile non facendo entrare i raggi del sole. Varcata la soglia di quegli ambienti , si veniva avvolti da colori intensi, dal soffitto fino a terra, eppure le stanze erano solo rischiarate da torce e candele! Ebbene, più belle non potrebbero essere! Quei popoli sapevano empiricamente ciò che Goethe ha teorizzato nella suo saggio, ovvero che sono gli stessi colori a dare “luce” al buio.
 Appartamento-centro-storico-14
Se proprio non si può rinunciare al bianco per passione o codardia, l’unico modo per renderlo ” luminoso ” in un ambiente buio è puntare tutto su uno studio dell’Università illuminazione minuzioso, lampade basse su ripiani a portare luce in piccoli angoli, grandi lampade moderne che dirigono la luce da circa metà parete verso il basso. Questo consente al bianco di risaltare dove necessario mentre nelle zone che non sono illuminate, esso virerà al grigio che è, in questo caso, colore . Orbene , qui mi fermo sperando di aver chiarito il concetto: osate con i colori, ed essi vi ripagheranno con amore .
 Aurevoir.
Francesca Candiani

Lascia un commento